LE FACCETTE DENTALI

Le faccette nei settori frontali, come gli intarsi per quelli posteriori, sono diventate negli ultimi anni una possibilità in più per venire incontro alle esigenze estetiche. Sono entrambe metodiche che permettono di conservare gli elementi dentali e la loro vitalità.

 

COSA SONO LE FACCETTE?

Sono delle sottili lamine in ceramica (spesso non superiori a 0,3 mm) che si applicano sulla superficie dei denti anteriori per migliorarne l’estetica.

 

INDICAZIONI

Le faccette hanno lo scopo di migliorare i denti nella forma, posizione e colore. Le principali indicazioni sono:

  • denti fratturati
  • denti usurati da parafunzioni,
  • denti abrasi
  • denti con discromie
  • denti malformati
  • diastemi (spazi accentuati tra i denti)

 

VEDERE PRIMA DI COSTRUIRE

Essendo le faccette in ceramica estetica uno dei migliori presidi per donare un sorriso armonico ai pazienti è necessario prima di tutto eseguire una visita accurata. Il medico valuterà lo stato di salute di denti, gengive, ed eseguirà un attento esame della masticazione del paziente: la presenza di alcune parafunzioni come il bruxismo (stringere i denti tra di loro) possono essere dei fattori di rischio per il trattamento.

Una volta stabilita la salute del cavo orale il medico farà le adeguate valutazioni estetiche. Saranno prese delle impronte per poter realizzare dei modelli in gesso della bocca per studiare al meglio le possibili soluzioni. Verranno anche eseguite alcune foto del caso clinico.

Il paziente ha la possibilità di vedere prima il risultato del trattamento tramite una ceratura diagnostica che mostra sul modello in gesso il risultato prefissato. Inoltre, grazie alla tecnica mock up, è possibile creare direttamente nella bocca del paziente la forma dei denti definitivi. Verranno costruiti sopra ai denti esistenti con una resina composita per mezzo di una mascherina individuale creata in laboratorio. La tecnica mock up è molto utile ed apprezzata sia dal paziente che dal clinico. Permette di valutare in bocca ciò che si potrà ottenere e consente di considerare alcune modifiche. Inoltre il composito è “attaccato” provvisoriamente al dente e di facile rimozione. Spesso il paziente rimane con il dente ricostruito fino a casa per mostrare ai propri cari il risultato possibile prima di togliere tranquillamente da solo la resina.

IL DENTE RIMANE INTEGRO?

Una volta stabilito prima il risultato che si vuole ottenere si procede alla limatura minima e superficiale della parte anteriore del dente per permettere la correzione di alcune situazioni di disparallelismo. Si esegue un’accurata impronta per consentire al tecnico di poter creare le faccette individuali adeguate al singolo caso. In alcune situazioni la limatura della superficie anteriore del dente non è neppure necessaria e comunque risulta sempre molto ridotta. L’obbiettivo è di avere un minimo dispendio biologico e di mantenere gran parte del dente integro. Si evita la limatura di tutto l’elemento in passato sempre necessaria per ricoprire il dente con una corona (capsula).

 

COME FANNO A RIMANERE ATTACCATE?

La realizzazione delle faccette è oggi possibile grazie ai cementi compositi. Questi innovativi cementi permettono un’intima adesione tra la ceramica trattata della faccetta e la dentina o lo smalto del dente. Prima di eseguire la cementazione il medico si accerta della piena soddisfazione del paziente. Verrà mostrato come le faccette si adattano alla sua bocca e come appare il sorriso. Verranno provate differenti paste di prova che simulano il colore dei differenti cementi utilizzabili per scegliere il più adeguato. Ciò è importante per permettere un controllo anche dei minimi particolari.

 

CI SONO PARTICOLARI PRECAUZIONI DA SEGUIRE?

Le faccette sono più resistenti di un’otturazione marginale di un incisivo però anch’esse, come i denti naturali, possono scheggiarsi. Necessaria è perciò un’attenta valutazione della chiusura della bocca o della presenza di parafunzioni come il bruxismo (che può essere corretta con un bite). Il paziente deve avere l’adeguata cura per il lavoro svolto evitando di addentare cibi troppo duri o alcune abitudini scorrette come masticarsi le unghie o le penne.

Come sempre in bocca molto importante è un’adeguata pulizia che non necessita di nulla di particolare se non l’uso corretto e quotidiano di spazzolino e filo interdentale per evitare il crearsi di carie nella porzione di dente naturale restante o di colorazioni che possono negli anni rovinare il risultato ottenuto. Importante è rimuovere la placca a livello gengivale per evitare una recessione che danneggia l’estetica.

Le faccette forniscono al medico un’arma in più per ottenere adeguati risultati estetici con una metodica poco invasiva. Non necessitano di particolari accorgimenti nel mantenimento, se non ciò che si dovrebbe fare normalmente anche per i denti naturali.

Pubblicato il giugno 13, 2017

Cure specifiche Senza categoria